71013, San Giovanni Rotondo (FG)

Padre Pio temeva di essere egoista, prendendo tutto il dolore del mondo

Imitare appieno Gesù, per amore di Gesù

Padre Pio è riuscito in una impresa riservati a pochi eletti: accettare, desiderare la sofferenza, mezzo privilegiato per salire sulla croce e stare con l’amato Crocifisso. Per imitare appieno Gesù. Per amore di Gesù. Beato, Padre Pio, perché ha pianto è sempre stato consolato!

“...Sono rassegnato al volere del cielo. Si adempiano pure su di me i divini disegni, purché il nostro caro Gesù ne resti glorificato. In certi momenti l’anima mia soffre assai…; questo nostro pietoso Signore nel più forte della prova accorrere sollecito, e quel padre amoroso che egli è, parmi di racconsolarmi ed incoraggiarmi a sempre più correre la via della croce. Soffro, è vero, ma intanto non mi dolgo perché Gesù così vuole così” (Epist. I, 193). E’ proprio una bellissima perifrasi della beatitudine: “Beati coloro che piangono: saranno consolati”.  Padre Pio scrive “racconsolarmi“.

Leggi anche: Padre Pio conosceva molte lingue

E non gli bastano le sofferenze morali e fisiche proprie, che pur sono tante ed angoscianti; vorrebbe per sé tutte le sofferenze degli uomini: “sono contento più che mai nel soffrire, e se non ascoltassi che la voce del cuore, chiederei a Gesù che mi desse tutte le tristezze degli uomini, ma io non lo fo, perché temo di essere troppo egoista, tramando per me la parte migliore: il dolore!”(Epist. I, 270)

Ecco padre Pio teme di essere egoista, prendendo tutto il dolore del mondo. E vorrebbe soffrire sempre di più: “Soffro e vorrei sempre più soffrire;  mi sento consumare e vorrei essere sempre più consumato…. Desidero la vita per sempre più patire, avendomi Gesù data ad intendere che la prova sicura dell’amore è il dolore!” (Epist. I,357). Della Sofferenza Padre Pio ne fa una felicità: “Credete pure, padre mio –  scrive a Padre Agostino –  che delle sofferenze me ne fo una felicità. Gesù stesso vuole le mie sofferenze; ne ha bisogno per le anime… “ (Epist. I, 307). Ecco dunque il senso della sofferenza: aiutare Gesù a salvare le anime ! Follia della Croce? E non è forse anche l’amore una “divina follia”? Perciò sono beati quelli che piangono. Ma se si piange come ha pianto Padre Pio: per amore!

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento