71013, San Giovanni Rotondo (FG)

Padre Pio e la Madonna di Loreto

Le bilocazioni di Padre Pio a Loreto

L’amore tra Padre Pio e la Madonna è un amore che sboccia non appena il piccolo Francesco riceve l’acqua purificatrice sul capo della chiesa di Sant’Anna, intitolata a Santa Maria degli Angeli a Pietrelcina; cresce ed aumenta durante la vita illuminata da quella dolcezza che solo una “mamma” sa profondere nel cuore dei suoi figli.

Padre Pio giunge alla devozione della Madonna attraverso strade che sono molto più difficili e scoscese di quelle della ragione; egli percorre le vie del sentimento che non ama filosofare e chiedersi vari perché. Da questo possiamo comprendere facilmente il motivo per cui padre Pio esortasse a pregare la Madonna del Santuario di Loreto. Ma questo lo faceva in maniera pressante con i suoi figli spirituali e con i pellegrini che scendevano dal nord. Egli chiedeva loro: “Ti sei  fermato a Loreto? Hai pregato per me la Madonna?” o con quelli che risalivano: “Pregate per me e ricordatemi alla Madonna”.

E questo lo faceva con un’espressione che nascondeva gioia e il piacere che essi facessero tappa al colle di Loreto. Non si può immaginare e descrivere la delusione e il dispiacere che avvertiva e mostrava anche esternamente quando apprendeva che questi non si erano fermati. Esprimeva il suo rammarico facendo intendere loro che essi avevano la possibilità di andarci fisicamente, possibilità che a lui era negata. Al contrario bastava poco per accattivarsi la sua simpatia. Era sufficiente degli: “Padre ho pregato per lei a Loreto!”

 

Leggi anche: Padre Pio e la Madonna Immacolata

Padre Pio non è mai stato fisicamente a Loreto. Ma allora come riuscito a coltivare quell’intensa devozione per la Vergine bruna di Loreto?. Al riguardo una pagina della cronistoria del Convento di San Giovanni Rotondo è molto illuminante.

In essa il cronista del tempo dice testualmente: “...è venuto fra Gianmaria che sta pure alla Santa Casa e gli dice che la sera, più presto o più tardi, secondo le stagioni, oscillando fra le 19, le 19:15, le 20, le 20: 25 e qualche volta anche verso le 21 o le  le 13 padre Pio bussa alla porta della Santa Casa. Fra Gianmaria riferisce che Padre Pio ha confermato ciò al nostro ministro Provinciale padre Raffaele da Sant’Elia a Pianisi. Fra Giammaria racconta anche che una volta, mentre stava dinanzi alla Madonna, le rivolse questa preghiera: “Madonna mia, se è vero che Padre Pio viene qui, nella tua casa, fallo venire adesso!”. E all”istante sentì il colpo di Padre Pio alla porta. Così anche un’altra volta. Facciamo notare che fra Gianmaria è una persona attendibile e credibile. Egli afferma che oggi ha detto a Padre Pio: “Padre continui a venire sempre a trovarci nella Santa Casa” E Padre Pio a ridere e ridere accennando un sì.  L’orario notato da Fr. Giammaria corrisponde all’ora in cui Padre Pio, congedati anche i più intimi, rimane solo”.

Naturalmente il racconto di queste bilocazioni si diffonde tra i fedeli ed uno, tra i più intraprendenti e affezionati,  padre Eusebio Notte da Castelpetroso,non manca, quando sta per congedarsi da lui di augurargli sempre “buon viaggio” alludendo ai suoi viaggi  di spirito. A tale augurio  Padre Pio sorriderà  sempre con quel suo fare sornione confermando la evidente allusione. Ma una frase che ha colpito la spiritualità autentica di Padre Pio per la Santa Casa è questa: “Se entrassi un solo istante in quella casa per la grande emozione ne morirei”

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento