71013, San Giovanni Rotondo (FG)

Le calunnie contro l’innocente Padre Pio

“In calumnis semper tacuit” (Nelle calunnie sempre tacque).In queste quattro battute è racchiusa tutta la vicenda terrena di Padre Pio: una biografia estremamente ridotta all’essenziale, in essa sta il segreto, la motivazione, il fondamento,la spiegazione delle eroicità nell’ esercizio delle Virtù da parte di Padre Pio. In questo silenzio si compendia tutto l’eroismo della vita intera di Padre Pio: in questo silenzio è tutta la sua eroicità.

Padre Pio ha taciuto, ha sofferto in silenzio, ha perdonato i suoi calunniatori : li ha amati, ha pregato per loro: quando si sta sulla croce con Gesù, non si può fare altrimenti. Ma fin della sua fanciullezza e nell’adolescenza colui che era ancora “Francesco Forgione”, assaporò il frutto amarissimo della calunnia. Cominciano i suoi compagni della scuola del maestro Angelo Caccavo ad inventare una grossa calunnia nei suoi riguardi. Persino alla vigilia della sua partenza per Morcone, Francesco dovette  subire l’umiliazione di una menzogna che fece rimanere perplesso il suo parroco don Salvatore Pannullo e che poteva far fallire il viaggio già programmato verso il luogo della sua prima formazione religiosa.

Leggi anche: Padre Pio aveva un cuore d’oro 

Nell’uno e nell’altro caso, la verità trionfò, ma quelle prime ferite lasciarono il segno nella tenera psiche del ragazzo, un segno destinato ad approfondirsi ed incrudelirsi  col trascorrere degli anni.  Le calunnie, le più infamanti, le più ignobili, le più feroci, le più assurde furono scagliate come strali velenosi contro l’innocente:e Padre Pio soffre, prega. Tace!.

La calunnia è la specialità di Satana: lo stesso nome significa il “calunniatore”, l'”accusatore”. L’azione di Satana è rivolta, si prolunga specialmente contro coloro che imitano Gesù, lo seguono fedelmente; contro le persone sante, gli operatori di bene, coloro che, con l’aiuto della Grazia, riescono a convertire i peccatori ossia strapparli dal demonio e dal maligno. Ed è quanto è successo a Padre Pio. Le calunnie sono state l’occasione provvidenziale perché potesse esercitasse eroicamente le virtù, sia teologali, sia morali, sia le virtù riguardanti lo stato religioso. Certamente in mille modi ed occasioni Padre Pio ha esercitato eroicamente le virtù: tuttavia nel silenzio, tacendo, che l’eroismo di Padre Pio rifuse in modo speciale. Nella prima parte della sua vita, il diavolo è ricorso alla violenza fisica e morale: “Quel cosaccio da verso le dieci che mi misi a letto, fino alle cinque del mattino non fece altro che picchiarmi continuamente. Molte furono le diaboliche suggestioni che mi poneva davanti alla mente; pensieri di disperazione, di sfiducia verso Dio; ma viva Gesù poiché io mi schermii col ripetere a Gesù:  vulnera tua merita mea (le tue piaghe sono i miei meriti).

In seguito “il nemico del genere umano” è ricorso alle armi del dubbio, dell’incertezza circa la misericordia di Dio; Satana fece scoccare l’ora dell’abbandono, del timore di dannarsi, della paura di non aver corrisposto appieno la grazia: la terribile ora della notte oscura.

Lo spirito del male ricorse successivamente alla calunnia, che debilita in lenta progressione le energie spirituali, servendosi delle abiezioni degli uomini, donne, uomini di Chiesa, persino confratelli. Padre Pio tace, soffre in silenzio, prega. Nel  suo cuore l’eco  le consolante della beatitudine evangelica “Beati voi quando vi oltraggeranno e, mentendo, diranno, ogni sorta di male per causa mia” (Mt.4,11). Sappiamo bene che quelle false voci, sovente trovarono ascolto, provocando “visite” e provvedimenti dolorosissimi. Padre Pio era l’uomo “della preghiera, della sofferenza….e del silenzio”

© Riproduzione Riservata

% Commenti (1)

Santo Padre Pio, prega per noi perché sappiamo perdonare sempre come Voi.

Leave a comment