71013, San Giovanni Rotondo (FG)

I confratelli di Padre Pio a Cracovia per i 100 anni di Wanda Wiktoria Półtawska

Santa Messa a Cracovia presieduta dal cardinale Stanisław Dziwisz

Il cardinale, Stanisław Dziwisz, arcivescovo emerito di Cracovia ha presieduto questa mattina a Cracovia nella Basilica di Santa Maria una Santa Messa di ringraziamento per i 100 anni Wanda Wiktoria Półtawska. psichiatra, collaboratrice e amica di Giovanni Paolo II, miracolata da Padre Pio da Pietrelcina nel 1962.

Una delegazione di frati cappuccini, confratelli di Padre Pio, accompagnati dai frati polacchi e guidati dal rettore del Santuario di San Pio in San Giovanni Rotondo, Fra Francesco Dileo. erano presenti alla celebrazione,

Nata il 2 novembre 1921, Wanda, nel febbraio 1941, insieme a un gruppo di scout, fu arrestata dalla Gestapo e poi portata nel campo di concentramento tedesco di Ravensbrück. Vittima degli esperimenti dei nazisti, alla fine della guerra, fu trasportata nel campo di Neustadt-Glewe, dove riconquistò la libertà il 7 maggio 1945.

Nella sua adolescenza, Wanda ha attraversato l’inferno delle prigioni e dei campi di concentramento. In questo crogiolo di sofferenza e umiliazione, però, è emerso l’oro del suo amore e del suo servizio. Questo percorso è stato seguito e continuato per tutta la vita da Wanda come moglie, madre, medico e insegnante accademico” ha sottolineato il cardinale durante l’omelia.

La Półtawska ha continuato l’ex metropolita di Cracovia“si è dedicata con tutto il cuore e l’anima alla grande causa di difendere la vita umana dal suo concepimento, si è dedicata alla famiglia, per preparare i giovani al progetto di un bellissimo amore coniugale. Ha insegnato con le parole, rettitudine di vita e atteggiamento fermo, non cedendo al potere sotto la dittatura comunista”

Wanda, è stata una fedele collaboratrice dell’allora arcivescovo di Cracovia, il cardinale Karol Wojtyła: “dalla loro amicizia spirituale è nato il bene, che ha arricchito non solo la nostra Patria ma la Chiesa”. 

RIPRODUZIONE RISERVATA

Leave a comment