71013, San Giovanni Rotondo (FG)

“Era in coma e Padre Pio me l’ha salvata”

la testimonianza di Giovanni un devoto di Padre Pio

Vi raccontiamo la storia di Giovanni.

Da anni avevo sempre con me le immaginette raffigurante la mano stimmatizzata di Padre Pio, donatami da una suora.

Ogni tanto la baciavo recitando una preghiera.  Nel maggio del 1997, mentre con la famiglia mi recavo in provincia di Lecce per la prima comunione di mio nipote, fui sorpreso dall’acqua e dalla  grandine.

Leggi anche: Il miracolo di Padre Pio alla dottoressa polacca 

Persi il controllo dell’auto andando a sbattere contro il guardrail centrale. Mia figlia fu sbalzata con violenza fuori dall’abitacolo e arrivò sull’asfalto. Sua madre emise un urlo spaventoso e si precipitò verso il di lei. La piccola giaceva a terra con la testa letteralmente aperta.

Chiesi aiuto e in poco tempo eravamo in ospedale. La bambina aveva riportato la frattura pluriframmentaria al cranio con fuoriuscita di materia cerebrale. Era in coma! Fu operata e l’intervento durò molte ore.

Quando stava per essere trasferita nella sala di rianimazione, piangendo e pregando le misi sotto il cuscino l’immaginetta della mano di Padre Pio che avevo con me. Dopo 5 giorni di angoscia, che ognuno può facilmente immaginare, la bambina si è svegliò. Gradualmente si riprese e migliorò sempre più.

© Riproduzione Riservata

% Commenti (10)

Mia figlia ,noemi ,oggi 16 anni ,quando cadde in coma ,ne aveva solo 2 … Era nata in salute , a causa di una diagnosi errata e quindi di una terapia inadeguata ,cadde in coma ed operata al cervello … Tre mesi in ospedale ,sofferenza sua e dei suoi cari.. sveglatosi dal coma ,i medici avevano notato dei danni al nervo ottico ed alle gambe … L unico mio conforto era Padre Pio… Il suo miracolo fu di notte ,quando la bimba mi chiamò e guardandomi sorrise e cominciò a camminare .. da lì ,i medici fecero RMN ed i danni erano scomparsi … Padre Pio aveva fatto il suo miracolo

L’uomo propone ma DIO dispone servendosi dei meriti dei Santi come padre Pio che è un gran Santo nulla è impossibile a DIO quello che è impossibile alla scienza ai medici è possibilissimo a DIo l’Onnipotente che tutto vede sa e può e ci ama d’infinito amore amen

Graziella Giustini

Sono affetta da una malattia autoimmune da 23 anni e ho trascorso molto tempo in ospedale sia per diagnosticare la malattia sia per trovare una cura. Una notte non riuscivo a dormire, ero stanca, spaventata, e con fortissimi dolori in tutto il corpo. Stavo pregando nel buio e nel silenzio della mia camera, ad un certo punto sono stata avvolta da un intenso profumo di fiori e ho sentito che la mia paura stava trasformandosi, ho provato una calma che non so descrivere, ho iniziato un pianto liberatorio ho capito che Padre Pio era lì per me. Sentivo che non sarei guarita ma che avrei avuto accanto a me Gesù e Padre Pio. Sono una terziaria francescana ancora malata ma quella notte ho nuovamente ringraziato il Signore perché perché ancora una volta mi aveva aiutato a capire che la malattia era un grande dono che ha fatto alla mia vita. Padre Pio ti voglio tanto bene e ti ringrazio di esserci ancora per tutti. Graziella

Cara Graziella
La mia storia e’ quasi come la tua, dopo 40 anni lontano da Dio, ho avuto in una cappella a Santa fe’ nel New Mexico dove c’e’ una scala miracolosa si dice fatta da San Giuseppe la chiamata da Dio che mi ha riempito di Spirito Santo e ho cominciato a piangere come mai fatto chiedendo perdono per tutti i miei peccati, e da allora la mia vita e’ cambiata, sette anni fa’ sono stato operato di cancro alla tiroide, dopo un anno mi hanno operato levandomi 30 linfonodi, per 6 anni non ho voluto fare nessuna cura, pero’ nel Natale del 2018 i numeri sono saliti a 900 , l’oncologo dopo un petscan mi ha detto che potevo morire ogni giorno, ma Gesu’ non era d’accordo mi ha sceso i numeri a 9 e ogni giorno mi avvicino più a Lui, questi sono gli anni piu’ belli della mia vita e la mia malattia il dono piu’ bello.
Ma se lo dico credono che non sono a posto di testa. Tu lo sai. God Bless you. Piero

Giuseppe Di Bella

Mio figlio,venne investito da una moto dopo quindici giorni in ospedale doveva essere operato, la notte io sognai Padre Pio che mi disse vedi queste gambe ne dovranno fare cammino.La mattina andammo in ospedale tutti ansiosi per l’intervento, il primario mi disse non so cosa sia successo ma suo figlio non ha più niente di rotto.
Grazie tutto ciò a padre Pio

Nel 2004 mio papà si ammalò di cancro “Linfoma Mignon Non di Hotkins” oramai sparso per tutto il corpo, gli prescrissero 12 sedute di chemioterapia (una ogni 20 giorni)
Pregai Padre Può perché gli salvasse la vita. Dopo sei cicli di chemioterapia, come prassi gli vennero effettuati nuovi controlli sanitari al fine di verificare l’efficacia della cura. Con grande sorpresa mio papà era completamente guarito. Non c’era più nessuna traccia del nale. Naturalmente deve sottoporsi a visite periodiche annue di accertamento ed alla data di oggi 13.01.2020 all’età di 72 anni gode ancora di buona salute. Grazie San Pio ❤️

Vado da diversi anni a San Giovanni rotondo…..con fede e speranza nel mio cuore lo prego sempre x i miei figli, x la salute del mio papà anzi x questo devo ringraziare non sta bene ma dico grazie…lui sa ne abbiamo passate tante ,ti chiedo caro San Pio se ti fa piacere sai i miei bisogni. 🙏🙏

Aiutami ho bisogno di te.

Mariella Siclari

Anch’io ho avuto un’esperienza simile. Parecchi anni fa a mio padre gli avevano diagnosticato un tumore. Dopo essere rimasto in ospedale per qualche tempo per essere curato per il diabete, per una glicemia così alta che gli stessi medici non credevano potesse essere esistita, dato che a mio padre lo accompagnammo al pronto soccorso e lui si presentò all’accettazione camminando con i suoi piedi. Secondo me fu un miracolo su un altro miracolo. Subito dopo i medici chiamarono noi figlie per comunicarci che nostro padre aveva un tumore e si sarebbe dovuto operare. Sarebbe dovuto tornare a casa, per poi essere richiamato per essere operato. Io e mia sorella terrorizzate per l’operazione e consigliate dai nostri mariti, decidemmo di farlo operare subito in un altro ospedale. Prima dell’operazione inviai una preghiera nel tardo pomeriggio per mio padre, scrivendo una lettera a Padre Pio, su questo sito. Mi risposero i frati che avrebbero pregato per mio padre sulla tomba di Padre Pio, chiedendo l’intercessione di Padre Pio. Il giorno dell’operazione a mio padre non fu trovato nessun tumore. E non solo, quando mio padre uscì dalla sala operatoria era sorridente. Mi disse che durante l’operazione senti’ la presenza di qualcuno vicino a lui. Io piansi. Capii che Padre Pio mi ha voluto aiutare mantenendo in vita mio padre, dato che la mia mamma morì parecchi anni fa. Mio papà è diventato un fervente credente di Padre Pio, prima invece non lo era. Fra non molto mio papà Giorgio il 3 maggio del 2020 compirà 100 anni. Prega sempre per lui e tutte le persone a cui vuol bene. Ringrazio ogni giorno Padre Pio per sostenermi e proteggere me e la mia famiglia. Ogni qualvolta ho qualche problema o di salute o soffro per qualche motivo, Lui mi protegge, mi dà forza e mi aiuta a superare ogni difficoltà. Grazie Padre Pio, non saprei vivere senza il tuo amore.

Lascia un commento