71013, San Giovanni Rotondo (FG)

Supplica a Gesù Crocifisso

Testo della Preghiera al crocifisso delle stigmate di Padre Pio

«Mio Dio e mio tutto,

oggi, ai piedi della croce, mi riscopro bisognoso di te e di questo gesto estremo che tu hai compiuto per me.

Nella mia voce e nelle mie parole, raccolgo il grido di quanti si affidano a te in quest’ora di prova terribile: le nostre forze potrebbero venir meno, i nostri piedi rallentare il passo, il nostro cuore cadere nell’angoscia e nella desolazione. La paura potrebbe assalirci.

Ti prego, Signore, non ci abbandonare; non lasciare che questo accada. Guarda alla nostra debolezza e salvaci da questa tremenda pandemia. Infondici vigore e speranza. Tu puoi farlo! Tu sì che puoi farlo!

Nel tuo cuore trafitto nascondo quanti si stanno prendendo cura dell’umanità, perché tu li custodisca e li protegga nel tuo amore e nella tua sapienza.

Benedici e illumina i tanti medici, i ricercatori, gli infermieri e tutto il personale sanitario, esposti in prima linea per debellare questo male; assisti con la tua grazia i nostri governanti, caricati di così gravi responsabilità per il bene della collettività; sorreggi le forze dell’ordine pubblico e coloro che stanno facendo costante e corretta informazione: giornalisti, operatori delle radio e delle TV; sostieni tutti i volontari della Protezione Civile e quanti stanno continuando il loro lavoro perché nulla manchi per la nostra sopravvivenza.

Ancor di più, mio Dio, accogli e custodisci nelle tue piaghe, dove trovano rifugio, conforto e guarigione i tuoi prediletti, quanti sono stati contagiati e stanno affrontando il calvario della malattia, in particolare gli agonizzanti; accogli anche noi, che abbiamo bisogno di sentirci guariti nell’anima e nel corpo.

Ma, soprattutto, accogli, nella tua misericordia infinita, chi non ce l’ha fatta e ha dovuto rinunciare persino all’ultimo abbraccio dei suoi cari. Consola quanti, in questo momento, piangono la perdita di un caro congiunto e asciuga le loro lacrime.

Questo è il mio grido Signore. È il grido di chi sa di essere povero, di chi confida e spera in te.

Ascolta questa supplica!

Tu puoi, mio Dio e mio tutto!»

% Commenti (1)

Preghiera dolce ed accorata al crocifisso di San Pio non ha dimenticato nessuno e si è rivolta al Signore Nostro Dio con tono sommesso e carico di fede..e tanta fiducia..
Attraverso la contemplazione delle piaghe Io mi sono sentita immersa nel dolore di Gesù ed ho trovato rifugio e tanta forza per andare avanti..Se ha sofferto Lui per me posso soffrire e pregare io tanto Lui per la salvezza di tutte le anime.
Chiusi e reclusi nella nostra casa mio marito ed io abbiamo riflettuto su quanto male l’umanità intera e noi abbiamo fatto a Gesù, perciò chiediamo e cerchiamo in Te la nostra redenzione..Vogliamo vivere immersi e pieni di Te, o Signore per dare un senso vero alla nostra vita..!!
Grazie ai frati che hanno concepito una preghiera così toccante che sicuramente arriverà al cuore di Gesù e Gesù pregherà per noi..

Leave a comment