71013, San Giovanni Rotondo (FG)

Padre Pio uomo del perdono

14 settembre - Primo giorno della Novena di Padre Pio

Fra Maurizio Placentino, ministro della religiosa provincia di Sant’Angelo e Padre Pio, ha presieduto la Celebrazione Eucaristica nel primo giorno della Novena di San Pio da Pietrelcina.

“Questa sera – ha detto fra Maurizio – siamo noi i destinatari di questa Parola e vogliamo con la vita attingere alla forza sanante della voce e della Parola di Cristo”. Il riferimento è al vangelo della XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO.

“Le nostre vicende – ha ribadito il ministro provinciale – i nostri cammini e la nostra vita quotidiana, ci portano questa sera a trovarci davanti al Signore a mani vuote, affamati come il figlio minore della parabola, smarriti come la pecorella, inutili come la moneta persa. Vogliamo aprirci all’abbraccio amorevole di Dio, perché noi probabilmente abbiamo preso la via che ci ha portato lontani da casa, convinti di poter fare a meno di colui che ci ha dato tutto. Bisogna fare spazio nel nostro cuore bisognoso di perdono e di vita nuova”.

Leggi anche: Padre Pio: uomo della Croce 

La Parola di Dio in questa domenica “ci mette tutti sullo stesso piano. L’uomo vive di misericordia ed ha bisogno di misericordia di Dio che ci dà dignità. Questo è un impegno che come Chiesa dobbiamo assumerci”. Dare dignità ad ogni uomo: a chi è emarginato, a chi soffre, a chi è smarrito, a chi lascia la propria terra. Quanti legacci inquinano le nostre organizzazioni e le nostre comunità? Dobbiamo riconoscerlo. C’è un seme che il nemico sparge nel campo. “E’ un seme che subdolamente cresce e che illusoriamente spinge verso la via che porta lontano e ruba la dignità, riducendo poi in schiavitù”.

C’è la necessità, come ci ha ricordato il Santo Padre, con il Giubileo della Misericordia, dei missionari della misericordia, uomini incaricati di ridare dignità di restituire il vestito della figliolanza e di preparare la festa del ritorno a casa.

Poi il riferimento a San Pio da Pietrelcina. Questi luoghi in cui ci troviamo cosa sono? Cosa rappresenta la vita di San Pio? Lui stesso ha definito la sua missione e la sua vita:  “un continuo sciogliere i fratelli dei legacci di Satana“. Il ministero della riconciliazione che padre Pio ha costantemente esercitato negli anni qui a San Giovanni Rotondo. Le opere della Casa Sollievo e i Gruppi di Preghiera sono forme attraverso cui la misericordia di Dio si è resa visibile.

Oggi da questi luoghi sale al Signore il nostro ringraziamento, la nostra lode per il dono del suo amore che mai Egli fa mancare ai suoi figli. Il nostro omaggio al Dio misericordioso perché in San Pio ha reso concreto nel nostro tempo Il suo abbraccio paterno. Attraverso padre Pio il Signore si è voluto fare vicino ai peccatori.

% Commenti (1)

Meshach Chindaba

We continuously thank God for the gift of Padre Pio and ask that the graces he epitomised will always flow in the Church and heal our broken world. May this century of martyrs propel us to greater sanctity.

Lascia un commento