71013, San Giovanni Rotondo (FG)

L’instancabile Padre Pio

Da oltre 50 anni Padre Pio è morto; ma il suo nome le sue opere vivono.

Padre Pio, nonostante crocifisso e dolorante non se ne stava tutta la giornata in quanti ed in pantofole ad ascoltare i penitenti e ad alzare la mano trafitta per benedire ed assolvere. Niente di più inesatto. L’opera della Casa Sollievo della Sofferenza e le altre opere, dal lui  volute e con il suo impulso realizzate, sono la più bella risposta a comprova del suo dinamismo, operante dentro di lui, che gli faceva compiere prodigi.

Ed il prodigio più evidente ed indiscusso  è stato appunto quello di vedere lui, gracile fraticello di campagna, assunto alla sommità della popolarità universale, di metterlo nella condizione di difendersi dagli attacchi che a lui sono venuti da ogni dove. Del resto in tutte le vite dei santi si registrano questi fatti. A Catania Lucia Mangano, a Foggia Genoveffa de Troia,  a Torino Don Bosco, a Verona don Orione, a Bologna padre Marella e tanti altri. Vita contemplativa e dinamismo operante hanno sempre camminato parallelamente nella vita dei santi. Così per Santa Teresa del Bambin Gesù, proclamata da Pio XI patrona delle missioni, pur non avendo mai lasciato la clausura del monastero del carmelitane, così Padre Pio da Pietrelcina che ha vissuto per quasi tutta la vita terrena vita in nel suo convento.  A San Giovanni Rotondo ha fondato Casa Sollievo della sofferenza. E tutto questo perché l’ha voluto lui, Padre Pio;  perché lui lo ha sognato e ne ha indicato il dottor Sanguinetti suo figlio spirituale, ed a quelli che sono venuti dopo, le linee, gli scopi e le finalità.

Leggi anche: Figlio di San Francesco 

Immaginiamo così Padre Pio mentre l’opera stava sorgendo, seduto su una semplice sedia di legno, a raccogliere offerte e preghiere che giungevano da  tutto il mondo, perché la sua opera avesse non solo un nome, ma un volto, un’anima, una solida struttura portante, destinata a resistere alle ire e al logorio del tempo. Anche dopo la sua morte sorgono a suo nome e  per impulso del suo potente dinamismo, opere che prolungano nel tempo il suo  messaggio caritativo e sociale. Teniamo presente, anche il largo movimento di spiritualità da lui suscitato con la creazione di gruppi di preghiera, diffusi in tutto il mondo sono come un lievito di opere buone per centinaia di milioni di anime. Da oltre 50 anni Padre Pio è morto; ma il suo nome le sue opere vivono.

 

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento