71013, San Giovanni Rotondo (FG)

Ecco cosa pensava Padre Pio del Concilio Vaticano II

L'inedita testimonianza di Fra Donato Ramolo

Fr. Donato Ramolo attesta il seguente episodio relativo alla confessione di signore anziano con Padre Pio.

«Purtroppo, era un po’ sordo, perciò confessò i suoi peccati ad alta voce, tanto che noi sentimmo tutto: aveva parlato male del papa, dei vescovi e dei sacerdoti, a causa dei tanti cambiamenti che c’erano stati subito dopo il Concilio: messa in italiano, altare verso il popolo ecc…

Io mi sono detto: “Adesso chi sa dove lo fa arrivare!”.

Invece, con mia grande sorpresa, dopo la confessione dei propri peccati, sento Padre Pio, con una voce suadente e affettuosa, dirgli: “Zi’ zi’, se tu fossi papa che facissi neh? Tu conosci il latino?”. “No, padre?”.

“E, allora, quando andavi a Messa, non capendo niente, che pensavi alle pecore? Adesso senti bene la Parola di Dio e la capisci! Prima, con il prete che celebrava con la faccia al muro, non vedevi cosa stesse facendo. Adesso vedi e capisci. Figlio mio, ricorda che tutto ciò che avviene sull’altare è avvenuto sul calvario”».

RIPRODUZIONE RISERVATA

% Commenti (1)

E la prima volta che vi ascolto, molto bello

Leave a comment