71013, San Giovanni Rotondo (FG)

Chi è il figlio spirituale di Padre Pio?

Condizioni per diventare figli spirituali

“Sono figlio spirituale di Padre Pio”: era il titolo di grande onore per quei fortunati che durante l’esilio terreno del frate hanno potuto parlare a lui, durante e fuori la confessione, chiedere consiglio, affidarsi alla sua saggezza e soprattutto alle sue preghiere. Ma chi è il figlio spirituale di Padre Pio?

Quali sono le sue caratteristiche? Facile la risposta: ogni figlio assomiglia al padre, sul piano genetico, temperamentale, psicologico e morale. Il figlio spirituale di Padre Pio rassomiglia, si adopera costantemente di rassomigliare al proprio padre spirituale, nell’esercizio delle virtù, nella brama di vivere, in continue scelte radicali, il messaggio evangelico.

Il figlio spirituale di Padre Pio crede fortemente, affidando totalmente al Signore la propria vita e  il proprio destino: spera contro ogni ragione e veduta umana; ama con tutta l’anima la Santissima Trinità, la Vergine Santissima; partecipa all’offerta di Gesù nella Santa Messa,offrendo pensieri, affetti desideri, speranze,  progetti, sogni… E di Gesù si ciba.

Come Padre Pio realizza, col soccorso della Grazia, le beatitudini evangeliche; è infatti, povero nello spirito, pure di cuore, giusto, pacificatore, mite, perseguitato per la giustizia. Come Padre Pio trova nel silenzio sia esteriore che interiore, l’ambiente, il clima più idoneo per mettersi il contatto con Dio, pregare, ascoltare e seguire gli impulsi dello Spirito Santo.

Leggi anche: Cosa diceva Padre Pio ai suoi figli spirituali?

Come Padre Pio considera la sofferenza come preziosa occasione per tenere compagnia a Gesù sulla croce. Come Padre Pio, che si  è disteso sulla croce, l’ha coperta tutta di se stesso, così che nulla, neppure un lembo della croce rimanesse fuori inutilizzato. Il figlio spirituale di Padre Pio è come un “fan” per l’idolo del giorno: imitazione in tutto!.

Padre Pio ha avuto tantissimi figli spirituali, perché questi continuassero la sua missione spirituale, caritativa, apostolica. Figli che vivano il proprio battesimo con coerenza anche eroica, coraggio, generosità come devoti figli della Santa Madre Chiesa. Al termine dell’ultima messa, il 22 settembre 1968 mentre veniva sospinto sulla sedia a rotelle, Padre Pio aveva fiato soltanto per ripetere: “Figli miei! Figli miei”. Nella notte poco prima di morire ripetendo “Gesù, Maria”, Padre Pio chiede ai figli spirituali di pregare per la sua anima. Dichiara di benedire tutti, specie i suoi figli spirituali.

© Riproduzione Riservata

% Commenti (1)

La rinnovata testimonianza della grandezza ed esistenza Dio.

Lascia un commento