71013, San Giovanni Rotondo (FG)

Padre Pio: “il mio angelo custode mi aiuta a tradurre tutto”

Forse non possiamo neanche immaginare il grande lavoro che avrà fatto l’angelo custode di Padre Pio: proteggere e custodire un uomo straordinario.

Padre Tarcisio Zullo, un confratello del santo, dichiarò che quando giungevano a San Giovanni Rotondo pellegrini di altre lingue, Padre Pio li capiva. Una volta gli chiese: “Padre, ma come fa a capire tante lingue e dialetti?” e lui rispose : “Il mio angelo mi aiuta e mi traduce tutto”.

Padre Alessio Parente ha raccontato un episodio accaduto il 7 giugno 1965.  Passava parte della notte a far compagnia a Padre Pio, e la mattina doveva poi accompagnarlo in chiesa, all’altare. Aveva poche ore per riposare nella sua cella. Molte volte, però accadeva che non riusciva a svegliarsi in tempo e sentiva qualcuno bussare forte alla sua porta. Altre volte anche quando non riusciva a sentir bussare alla porta per il sonno profondo, sentiva nel sonno una voce che gli diceva: “Alessio, alzati!

Accadde però che un giorno non si svegliò, né per accompagnare Padre Pio  alla Santa Messa e né per accompagnarlo più tardi alle confessioni. Svegliato da altri confratelli, si precipitò nella cella di Padre Pio e gli disse: “perdonami, padre, non mi sono svegliato” e Padre Pio gli rispose: “credi che io stia a mandarti sempre il mio angelo custode a svegliarti?”.

riproduzione riservata

% Commenti (1)

Bellissima testimonianza interessante seguire la vita di Padre Pio grazie a voi che ci fate partecipi di questi eventi

Leave a comment