71013, San Giovanni Rotondo (FG)

Il rosario di San Pio da Pietrelcina

Padre Pio: un santo con la corona del rosario in mano.

Ogni volta che il pensierosi rivolge a San Pio da da Pietrelcina,  si fa avanti una figura dolcissima e serena di un frate che sgrana la corona del rosario fra le sue dita doloranti, tanto vicine alle stimmate. E’ come avvicinare la Vergine Addolorata alla crocifissione del suo Figlio: Maria ai piedi di Gesù. La preghiera di Padre Pio era fatta di adorazione e di devozioni mariane. Per lunghi Padre Pio recitava Santo Rosario, sul matroneo di sinistra con il volto che si levava verso l’immagine della Madonna delle Grazie. Ora la sua effige di Santo è ai piedi della sua Madonna Celeste, assorto in contemplazione. una bella scena che rispecchia quanto in realtà è in Cielo.

Egli, da bravo  meridionale, mostra una predilezione affettuosa per il santuario della Madonna del Rosario di Pompei. Così scrive il padre Benedetto “Dio e la carissima Madre mia di Pompei, a cui le novene, si succedono alle novene,  ormai sono oltre tre anni, sanno che cosa ho fatto per essere esaudito da una sì dura prova “(Epist. I,p. 521). A Padre Agostino chiede “la carità di incominciare al più presto le tre novena alla Vergine di Pompei, con la recita giornaliera, durante questo periodo, dell’intero Rosario”(Epist. I, p.963). Durante la permanenza a Napoli per le vicende riguardanti il servizio militare,Padre Pio  programma una visita alla Madonna di Pompei. E “ammira” con compiacenza l’iscrizione al Rosario perpetuo da parte di una figlia spirituale. Padre Pio: un santo con la corona del rosario in mano.

Leggi anche: Padre Pio e la Madonna di Pompei 

Il rosario è la preghiera che ci dà la forza di affrontare i tanti disagi della nostra quotidiana esistenza. Il rosario è la preghiera del malato, del sofferente, di chi vive nella solitudine del proprio Calvario: la recita del Rosario dà luce, forza, coraggio di vivere, volontà di unirsi a Gesù Cristo per trasformare il dolore in occasione di Redenzione e di salvezza propria e dell’umanità intera. Quanta serenità, quanta letizia nell’anima nel tribolato, che sosta nella chiesa a recitare Santo Rosario davanti a Gesù Sacramentato, custodito nel tabernacolo o solennemente esposto. Il rosario ci fa compagnia mentre stiamo in cammino portando la nostra croce, salendo il nostro calvario.

 

© Riproduzione Riservata

% Commenti (3)

Ascolto la S.Messa e recito l’intero Rosario ogni giorno.
Mi è stato detto da una figlia di P.Pio per diventare io stessa figlia di P.Pio.
Questa pratica mi fa tenere lontano il Demonio e mi aiuta a portare avanti giorno dopo giorno la mia dolorosa malattia…

Lascia un commento