71013, San Giovanni Rotondo (FG)

Il raggio di luce di Padre Pio: la sapienza

Padre Pio è il sapiente che riesce a vedere chiaro nella profondità dell'amore divino,

La Sapienza è un dono che, perfezionando la virtù della carità, effonde nell’anima: la luce che illumina l’intelletto gli fa pronunziare retti giudizi su Dio e sul fine delle cose create; gusto soprannaturale, che opera sulla volontà facendole assaporare le cose di viene. La sapienza è come un raggio di sole: è raggio di luce che illumina e allieta gli occhi dell’anima; è raggio di calore che riscalda il cuore, infiammandolo di amore e colmandolo del Gaudio più puro.

Padre Pio è  il sapiente che riesce a vedere chiaro nella profondità dell’amore divino, pur nell’abisso tenebroso della sua terribile notte mistica. “Il desiderio di Dio –  egli scrive –  consuma l’anima interiormente perché comprende, per una chiarissima luce che Iddio le dà, di non poter rendere a Dio quel servizio che vorrebbe. Tutto poi va a finire nelle delizie di cui Iddio viene a inondar l’anima” (Epist. I, 420) .

Leggi anche: lo stupore di Padre Pio 

Ed è ovviamente la sua anima! insieme con l’amarezza del calice da bere fino in fondo, “… un misto di dolore e di dolcezza si contrastano contemporaneamente e riducono l’anima in un dolce e amaro deliquio”. (Epist. I, 1112). Il Signore si degna di scoprire a Padre Pio e alcuni segreti che restano ineffabili, impossibili ad esprimersi col lessico umano. Scrive, infatti: “… a volte sono portato fuori di me stesso ed allora il Signore vuole farmi la grazia di scoprirmi alcuni segreti che mi rimangono sì impressi nel fondo dell’anima che non se ne possono più cancellare, sebbene non tutti questi segreti possa esprimerli, mancandomi i termini il più delle volte per ciò farlo” (Epist. I, 365).

Sembra di sentire San Paolo: “Conosco un uomo in Cristo che…fu rapito al terzo cielo… e udì parole indicibili che non è lecito ad alcuno pronunziare”. Padre Pio ho avuto la “sapienza” della croce, dell’estasi beatificante, della letizia più inebriante, della contemplazione orante, della intimità più profonda col Signore. Dono dello spirito, la sua sapienza, che fa seguito al compatire con Gesù Cristo, all’abbandono totale e filiale nelle braccia di Dio; sapienza sorretta da una umiltà sincera e profonda, da una fede incrollabile, da un  amore sconfinato. L’amore vero dà Sapienza dell’Amore.

© Riproduzione Riservata

% Commenti (1)

pongan traduccion de página al español por favor no hablo italiano gracias

Comment to Mercy Duque Annulla risposta