71013, San Giovanni Rotondo (FG)

“Ho sentito il profumo di Padre Pio e poi tutto è cambiato”

Testimonianza di Giovanna da Agrigento

Una delle mie sorelle, nel  1985 cominciò a stare male. Dimagrire a vista d’occhio, non si reggeva più in piedi, mostrava disinteresse per tutto e per tutti, aveva lo sguardo assente,piangeva continuamente e diceva di non avere più voglia di vivere. Ebbe inizio per la mia famiglia  un periodo difficilissimo in cui visite specialistiche, viaggi, stati depressivi, preghiere e suppliche si alternavano a momenti di distrazione e di sconforto.

Leggi anche: Mamma vicino a me c’era un frate che mi teneva la mano 

Poiché, senza spiegarmi il motivo, in occasione di una precedente visita a San Giovanni Rotondo mi era capitato di piangere sulla tomba di Padre Pio, decisi di affidargli il caso di mia sorella, alla quale intanto era stata diagnosticata una grave forma di psiconevrosi con anoressia mentale. Passò del tempo e la situazione precipitò. Un giorno, mentre mia madre, con forza, chiedeva a voce alta a Padre Pio se per caso si era dimenticato di noi, in casa venne avvertito un profumo meraviglioso, indescrivibile. Era il segno che Padre Pio non ci aveva abbandonati. Infatti, subito dopo mia sorella cominciò a migliorare fino a raggiungere la completa guarigione.

© Riproduzione Riservata

% Commenti (1)

Mia figlia maggiore quando nacque stava benissimo, ma con il passare delle settimane, cominciò a rifiutare il cibo. La ricoverammo in ospedale a Chieti scalo, ma non risolvemmo nulla. Anzi..la situazione peggiorava sempre di più. La bambina non voleva vedere il biberon , e doveva alimentarsi con il sondino. La battezzammo in ospedale, temendo il peggio. E dopo fu trasferita a Roma , al Bambin Gesù. Lì i medici si sono adoperati oltre ogni dire, per risolvere il problema. Nel frattempo, io volli andare a San Giovanni Rotondo insieme a mio marito e a mia zia. Ascoltammo la Santa Messa, e poi andai davanti alla cella di Padre Pio. Davanti alla sua immagine, gli dissi arrabbiata:”Padre Pio, che male ha fatto quella bambina innocente, che deve soffrire così? Sono venuta a pregarti perché tu la guarisca, fa che ricominci a mangiare, e salvala” Subito dopo sentimmo profumo di viole: mia zia disse che era un buon segno. Visto che Padre Pio, quando concede una grazia, lo fa capire attraverso i profumi. Infatti, mia figlia ora 22enne, e in perfetta salute, venne dimessa il giorno dopo dal Bambin Gesù, riprese a mangiare, e piano piano riacquisto’ peso. Non finirò mai di ringraziare Padre Pio, e lo prego sempre affinché protegga le mie figlie sempre e ovunque. Grazie Padre Pio.

Lascia un commento